Il triathlon è uno degli sport con più alta concentrazione di sforzo aerobico, in quanto si tratta di una attività individuale multidisciplinare che raggruppa tre diverse discipline: nuoto, ciclismo e corsa. La preparazione atletica è molto difficile ed articolata, ed è fondamentale seguire una corretta alimentazione che dia energia, ma non appesantisca il fisico.
La dieta del triatleta, quindi, dovrebbe essere variata e ben bilanciata in tutti i suoi macro e micro nutrienti: una integrazione che garantisca un elevato apporto di carboidrati, prima e durante l’allenamento, è necessaria per permettere al muscolo scheletrico di caricarsi di glicogeno; le proteine invece, prima e dopo l’allenamento, forniscono il nutrimento necessario per la ricostruzione muscolare; i grassi infine sono necessari per alimentare le riserve energetiche quando gli sforzi sono particolarmente prolungati.

Nelle distanze sprint e super sprint è utile integrare la dieta con cicli di creatina, per mantenere alta l’esplosività muscolare; nelle distanze più lunghe è necessario assumere aminoacidi ramificati, per prevenire il catabolismo della massa muscolare.
Il primo pasto della giornata, ovvero la colazione, è di fondamentale importanza ma non sempre si ha il giusto tempo a disposizione: è possibile quindi integrare durante l’allenamento con soluzioni contenenti sali minerali, carboidrati ed aminoacidi.
E’ consigliato mangiare delle piccole barrette energetiche tra una sessione e l’altra, soprattutto quando si effettua l’allenamento combinato nuoto e ciclismo; per l’allenamento combinato nuoto corsa, invece, è preferibile fare il pieno di energia prima della seduta di nuoto, e tra una disciplina e l’altra bere soluzioni per il recupero energetico e muscolare.

Dopo gli allenamenti combinati è necessario integrare con soluzioni per il recupero contenenti sali minerali, carboidrati, aminoacidi ramificati e glutammina.
Infine, è preferibile non saltare i pasti durante la giornata di allenamento, in quanto il recupero muscolare ed energetico verrebbe seriamente compromesso, anche nei giorni successivi percependo sempre di più il senso di stanchezza: organizzatevi sempre per lasciare circa 30 minuti liberi, subito dopo l’allenamento, per nutrire il vostro corpo!