Gli attacchi di fame si verificano quando le riserve di glicogeno muscolare sono prossime all’esaurimento. Per evitarle è necessario strutturare una alimentazione corretta, in modo da recuperare lo stress fisico indotto dall’allenamento. Questi attacchi sono più frequenti negli sport di endurance, e interessano spesso gli atleti amatori, in quanto più inesperti e meno seguiti nel gestire la propria alimentazione in relazione agli sforzi da affrontare.
Nello specifico, un “attacco di fame” avviene nel momento in cui le riserve di glicogeno nel muscolo risultano insufficienti a sostenere lo sforzo fisico necessario all’atleta. Si verifica di conseguenza un calo di prestazione, spesso improvviso e notevole, seguito dalla comparsa di sintomi quali sensazione di freddo, attacchi di fame, senso di debolezza muscolare e malessere generale.
Come prevenire quindi gli attacchi di fame durante l’allenamento? Bisogna assumere una consistente base di carboidrati complessi, ovvero un quantitativo di carboidrati compreso tra il 55% ed il 60% delle calorie totali. Le proteine invece non dovrebbero superare gli 1,5 g/kg di peso corporeo, e l’apporto lipidico dovrebbe corrispondere al 25% – 30% dell’energia totale.
Gli sportivi e gli atleti di endurance svolgono attività fisiche particolarmente impegnative che contribuiscono sensibilmente all’innalzamento della necessità calorica; per questo è importante seguire 5 importanti accorgimenti per prevenire le crisi di fame durante lo sport:

  • introdurre la giusta quantità di energia e di carboidrati
  • ripartire correttamente i nutrienti
  • ripartire correttamente i pasti giornalieri
  • lasciare il giusto recupero all’organismo
  • dosare le energie durante la prestazione per evitare di terminare precocemente le riserve di glicogeno.

NAMEDSPORT> consiglia, prima dell’allenamento, di comporre un pasto a base di  alimenti ricchi di carboidrati a basso indice glicemico e di fibra alimentare (moderando lipidi e proteine) da consumare circa 90-120′ prima dello sforzo; ad esempio 100g di riso con 100g di verdure, 10g di olio extravergine d’oliva e 10g di parmigiano grattugiato (circa 450 kcal).
In alternativa, può risultare particolarmente pratico assumere snack energetici “veloci” a base di maltodestrine a rilascio differenziato, quali i prodotti appartenenti alla linea Total Energy.
Durante l’attività sportiva invece è preferibile integrare con maltodestrine sciolte in acqua, se necessario abbinate ad un pool di aminoacidi essenziali e ramificati (Aminonam Sport), senza dimenticare l’importanza di un reintegro di sali minerali, in soluzioni ipotoniche o isotoniche (HydraFit e Isonam Energy).
Nell’immediato post- allenamento, infine, è utile comporre un ulteriore pasto a base di carboidrati a medio ed alto indice glicemico con pochi grassi e poche proteine. Un esempio potrebbe essere: 200g di patate condite con olio extra vergine, 2 fette di pane bianco e 1 banana (circa 400kcal), o integrando con ulteriori sali minerali, aminoacidi e maltodestrine (4Fuel, Aminonam Sport e Maltonam).

Prodotti consigliati

Prodotti consigliati