Per mantenere un buon equilibrio idro-salino e incrementare il volume plasmatico ridotto con la sudorazione, è importante idratarsi durante e dopo l’allenamento. L’acqua in questo caso è l’elemento fondamentale necessario per ristabilire l’equilibrio idro-salino, e quando sono aggiunte piccole quantità di sali minerali e carboidrati il suo potere migliora notevolmente.
→Prima dell’allenamento, o nella fase di preparazione precedente una gara o un’attività sportiva particolarmente intensa, nel caso in cui si preveda di sudare molto è utile bere senza superare i 300- 400 ml di acqua.
→ Durante l’attività fisica è sempre consigliabile bere a piccoli sorsi per evitare di introdurre quantità eccessive di liquidi nello stomaco. Molto importante sarà anticipare la sete, perché quando insorge lo stimolo, la carenza di acqua è arrivata ormai alla soglia limite.
→ Dopo l’allenamento, un adeguato reintegro delle perdite idrosaline sarà determinante per un rapido processo di rigenerazione.
L’apporto di sali minerali non dovrebbe essere mai eccessivo: l’assunzione di bevande ipertoniche durante l’allenamento, oltre ad ostacolare l’assorbimento dell’acqua, può rischiare di provocare disidratazione e squilibri intestinali. Quindi per un rapido ristabilimento dell’equilibrio idro-salino, dovranno essere utilizzate bevande ipotoniche o al massimo isotoniche con il plasma.
Le bevande contenenti troppi carboidrati possono rallentare lo svuotamento gastrico e causare disturbi gastrointestinali; quelle ottimali dovrebbero contenere soprattutto magnesio e  potassio ed un 6-7% carboidrati.
Le acque minerali più usate dagli sportivi sono quelle alcaline che aiutano a neutralizzare le scorie prodotte durante un esercizio fisico intenso. Comunque in generale tutte le bevande andrebbero ingerite ad una temperatura di 4-5 °C; bevande troppo fredde potrebbero causare l’insorgenza di crampi e ritardare l’assorbimento.

Prodotti consigliati